Il Gusto di Viaggiare

Lucca – “La Grotta”, dopo un po’ di mare e un po’ di mura.

Domenica è tornata l’ora legale, e con lei anche il sole che da troppo tempo tentennava (che inverno! così lungo e così umido!). E’ stato quindi naturale preparare il cane, arraffare una coperta, una banana e qualche crackers, e partire alla volta del mare.. che non vedevamo da settembre e che tanto ci è mancato.

Marina di Vecchiano Panorama

Marina di Vecchiano
Panorama

La nostra destinazione classica per le fughe fuori stagione è Marina di Vecchiano, perché la spiaggia è ampia, circondata da un’area protetta di dune e macchia mediterranea, sovrastata in lontananza da montagne innevate e perfetta per correre con il nostro cucciolo.. che il realtà passa la maggior parte del tempo a contemplare l’orizzonte sterminato e tutti i profumi che arrivano con la brezza.
Prima di addentrarci sulla sabbia, spesso facciamo sosta in un ristorante di nostra conoscenza, per godere della sua deliziosa frittura, ma questa domenica, arrivati ingenuamente senza prenotare, non siamo riusciti a trovare posto. Fatalità che in realtà si è rivelata utile, poiché ci ha “costretti”, una volta arraffato un tramezzino, a proseguire dritti verso le onde.. e a godere quindi delle ultime due ore di sole e tepore che il meteo della costa ha concesso domenica.
Alle 16 infatti il cielo era coperto, il vento soffiava, e gli strati di vestiti indossati aumentavano sempre di più.
Alle 16.15 eravamo già in macchina, più imbacuccati che mai, affamati e parzialmente soddisfatti.

“E ora icché si fa?”
“E se s’andasse a Lucca?”

Lucca è spesso snobbata dai turisti, sia italiani che stranieri, che la scansano volentieri per lasciare il posto alle più celebri Pisa e Siena (nonché Firenze, ovviamente).
Cosa c’è da vedere a Lucca?, si chiede la gente. Eppure Lucca è sempre stata bellissima. E lo era anche domenica, anche se straripante di gente radunata per l’annuale mostra di giardinaggio.
Ma già tutto il verde esterno alla cinta muraria è una boccata d’aria fresca, perché è fruibile ad adulti, bimbi e cani. La luminosissima passeggiata sulle mura lo stesso, intervallata da scorci panoramici sui tetti della città, aree gioco e prati per riposare, è goduta dalla cittadinanza senza essere sovraffollata.

Lucca Esterno delle mura

Lucca
Esterno delle mura

Scendendo poi verso il centro storico, ci si insinua in un dedalo di vicoli, corsi, slarghi, e quasi senza accorgersene si sbuca in Piazza dell’Anfiteatro, o davanti all’imponente Chiesa di San Michele in Foro… o a una delle tante altre che costellano la città.
Per scovarle, meglio prendere stradine alternative, quelle senza troppi negozi.. tanto il centro è piccolo e non ci si perde. Facendo in questo modo, il chiasso del corso principale non si sente più, niente più gomitate ne’ pestoni; potete camminare un po’ e sbirciare a destra, a sinistra, dentro i cancelli per scovare i giardini interni, oppure in alto, dove ad un certo punto potreste intravedere Torre Giunigi, con i suoi lecci che ne coprono la sommità.
Verde quindi, tanto verde a Lucca. e poi tanto bianco del marmo e tanto rosso dei tetti.
Città toscana modesta di carattere, elegante d’aspetto e colma di storia.

Lucca San Michele in Foro

Lucca
San Michele in Foro

Proprio zigzagando in questo modo, siamo entrati in Via Calderia, e ci siamo fermati in una pizzicheria per prendere una… e poi un’altra schiacciata ripiena, che abbiamo deciso di gustatre in Piazza San Michele, sulle scale della chiesa. La prima traboccava lardo di Colonnata, la seconda mischiava prosciutto toscano, pecorino al pepe e carciofini, ed entrambe erano sublimi, tanto la pasta quanto il ripieno. La spesa: 6.40 euro in tutto, per ingredienti di qualità e due pance piene.
Niente trattorie questa volta, ma una classica “soluzione dell’ultimo minuto” come piace tanto a noi.

Per venire via poi, basta ritrovare la porta giusta (Lucca ne ha ben 6) e raggiungere la macchina, oppure il treno, che ferma molto vicino al centro e che rimane decisamente il mezzo migliore da usare in questo caso.. per lo meno se si viene da Firenze!

Ma occhio: di alimentari “La Grotta” ne esistono due, e si trovano estremamente vicini. Questa recensione si riferisce a quello di Via Calderia!

Quindi, ricapitolando:
Pizzicheria “La Grotta”
Via Calderia 18, 55100, Lucca
Tel: 0583 496940
Piatto consigliato: schiacciata ripiena di lardo di Colonnata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *