Il Gusto di Viaggiare

Badia Prataglia (Poppi, AR) – il Bar Vittoria, la natura e le tracce del lupo

Foresteria Metaleto - Camaldoli

Foresteria Metaleto – Camaldoli

I corsi di formazione non sono tutti uguali: esistono quelli di tipo accademico, in cui ti siedi in un’asettica e buia stanza piena di seggioline con piano scrittura incorporato, e trascorri circa 8 ore  a guardare un così detto “formatore”, vestito di tutto punto, che proietta una media di 3 slides al secondo sulla parete di fronte a te, chiacchierando ininterrottamente con un lineare e noiossissimo tono di voce.
Ma esistono anche quelli, e non sono certo i più comuni, in cui indossi scarponi da montagna, magari la macchina fotografica, ed alterni esercizi di gruppo ad escursioni nel bosco sulle tracce di piante rare ed animali nascosti.
In questo secondo caso, la cosa veramente importante non è prendere banali appunti, bensì “spogliarsi” di ogni rigidità e godersi la bellezza del dialogo con gli altri, ma al tempo stesso quella del solitario contatto con la natura, che sempre meno spesso riusciamo a trovare… (in ambito lavorativo, poi, non ne parliamo..)

Ho avuto la fortuna di intraprendere un percorso che mi ha portata a diventare educatrice ambientale, una definizione che, così messa, dice tutto e nulla. Il mio “obiettivo” sarebbe quello di sensibilizzare i più piccoli, almeno in parte, circa l’importanza della tutela e del rispetto del mondo che ci circonda, mondo inteso come insieme di animali, piante, habitat, paesaggi, città, popolazioni e culture diverse. Ma per fare questo devo imparare a trasmettere informazioni in modo chiaro, semplice ed empatico. E’ un percorso non sempre semplice, ma senza dubbio affascinante.
Durante l’anno seguiamo formazioni riguardanti varie tematiche: rifiuti, energia, inquinamento.. temi attuali da approfondire e sui quali poter lavorare.
.. Fra questi temi, negli ultimi mesi uno in particolare si è contraddistinto più di altri, forse perché nuovo per il nostro secolo, forse perché ancora avvolto da un alone di mistero: il ritorno del lupo.
Erroneamente considerato come un animale REINTRODOTTO dall’uomo, il lupo negli ultimi decenni si è semplicemente ripreso territori che gli erano appartenuti in passato, tornando a popolare tutta l’Italia, eccetto le isole.
Capirne l’ecologia e l’etologia è fondamentale per imparare a conviverci e per smettere di alimentare leggende e paure, molto spesso dettate dalla disinformazione: poiché la fauna selvatica è necessaria per l’equilibrio del nostro paese tanto quanto l’agricoltura.. e l’uomo.

Cascata - Badia Prataglia

Cascata – Badia Prataglia

La strada per ottenere ciò è stata l’immersione di due giorni all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi: uno spicchio di natura meravigliosa, a cavallo fra due regioni, dove il verde e la terra la fanno da padroni.
In un alternarsi di chiacchiere, riflessioni, giochi, osservazioni, passeggiate sotto la neve, abbiamo esplorato il mondo circostante, ed imparato a notarne le alterazioni, le tracce esterne e quelle invece appartenenti agli esseri che lo popolano; abbiamo guadato un ruscello colpiti dalla pioggia e abbiamo dormito in una fredda foresteria alla luce delle torce; ci siamo messi, a turno, nei panni del lupo, del contadino, della pecora, dell’erba brucata e dell’albero concimato; abbiamo finto di essere bimbi pieni di domande, ed abbiamo provato ad essere educatori con qualche risposta.
Abbiamo anche sperimentato i piatti tipici del posto, ricette particolari, sconosciute ai più, parte della storia di Badia Prataglia, e delle poche case sparse più in là: tortelli alla lastra ripieni alla erbe, polenta al capriolo, torta di noci e mele. Con ingredienti freschi, raccolti in quei boschi, e mischiati con trucchi tramandati e voce e mai svelati totalmente.

Abbiamo provato, la notte, a sentire qualche verso, magari un ululato, per poter dire alla fine “l’abbiamo trovato”.
Non è successo. E forse è stato meglio così. Siamo tornati a casa con gli occhi più vigili, la mente più aperta, e lo spirito voglioso di raccontare ciò che abbiamo visto e trasmettere ciò che abbiamo provato. Questo è sufficiente.. per ora. Il parco, poi, è sempre aperto a tutti. Nulla ci vieta di tornare ed imparare qualcosa in più.

….
Se vuoi un consiglio, lupo, non ti svelare ancora. Prova a rimanere leggenda per un altro po’. Perché, purtroppo, ancora non siamo pronti per conoscerti.

——–

Link utili:
http://www.parcoforestecasentinesi.it/
http://www.medwolf.eu/
http://www.legambientescuolaformazione.it/

——–

Quindi, ricapitolando:
Ristorante Bar Vittoria
Via Nazionale 23 – Badia Prataglia – Poppi (AR)
Tel: 0575.559019
Email: barvittoria@nibblenetwork.com
Piatto consigliato: tortelli alla lastra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *